In Svizzera il matrimonio egualitario è legge

La notizia circolava già da diverse ore, ma è diventata ufficiale solo pochi minuti fa: con il 64.1% di SI’, gli elettori elvetici hanno reso legge il matrimonio egualitario. Ha partecipato il 52.6% degli aventi diritto al voto, i SI’ sono stati 1828427, i NO 1024167.

In Europa, la Svizzera si aggiunge a una quindicina di altri Stati con questo tipo di legislazione; fecero da apripista i Paesi Bassi nel 2001, seguiti poi da Belgio, Spagna, Norvegia, Svezia, Portogallo, Islanda, Danimarca, Francia, Inghilterra, Galles, Lussemburgo, Scozia, Irlanda, Finlandia, Isole Faroe, Malta, Germania, Austria e, l’anno scorso, Irlanda del Nord.

In totale sono 29 i Paesi del mondo che ammettono il matrimonio egualitario. Tra questi ricordiamo Canada, Stati Uniti, Sudafrica, Taiwan, Argentina, Ecuador, Colombia, Costa Rica, Uruguay, Brasile, Australia, Nuova Zelanda.

Il bello del risultato elvetico è che in tutti i cantoni la maggioranza dei votanti ha detto SI’ al matrimonio egualitario. Si va dal 74% dei votanti nel cantone di Basilea città al 50.8% dei votanti di Appenzell interno. Nel canton Zurigo, il record di SI’ si è ottenuto nei quartieri 4 e 5 di Zurigo città, con una percentuale del 90.37%. Nella mia città, Horgen, i SI’ sono stati il 66.14%.

Se oggi in Svizzera festeggiamo, non possiamo certo dimenticare che l’omosessualità è repressa in diversi Paesi, in particolar modo in Medio Oriente e Africa. Gli atti omosessuali sono puniti con la pena di morte in Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti, Sudan, Somalia e Mauritania. Pur festeggiando oggi, non posso far a meno di pensare che la lotta per garantire i diritti fondamentali a tutti è ben lungi dall’essere finita.

E in Italia? Con la lentezza con cui certi temi vengono affrontati, si rischia di restare fuori dalla storia. Spero almeno che l’esempio della Svizzera, un Paese sempre cauto e attendista, dia all’Italia la giusta energia per approvare velocemente il Disegno di Legge Zan e, quanto prima, il matrimonio egualitario.

1 Comment

Lascia un commento

Your email address will not be published.