Sister Deborah: e se il Messia fosse donna e nera?

E’ stato pubblicato da poco, dalla casa editrice Utopia, con la traduzione di Giuseppe G. Allegri, l’ultimo romanzo di Scholastique Mukasonga, Sister Deborah. La Mukasonga è una scrittrice ruandese che io apprezzo molto, tanto da aver raccontato delle sue opere più volte

Marina Morpurgo, e la memoria diventa letteratura

Ho conosciuto Marina Morpurgo, giornalista, scrittrice e traduttrice  tantissimi anni fa, in maniera virtuale. Aveva tradotto un libro che mi era piaciuto moltissimo e l’avevo contattata su Anobii per un confronto. La nostra corrispondenza andò avanti per mesi. Tempo dopo, in occasione

Asylum: fotografie per conoscere i rifugiati

Forse non tutti sanno che, dei 193 Paesi riconosciuti dalle Nazioni Unite, 85 criminalizzano le persone LGBTIQ+ con limitazioni della libertà di espressione, con la possibilità, in alcuni, di finire in prigione, o di essere addirittura condannati a morte. Nel dettaglio, la

Perdi la madre: riflessioni sulla schiavitù

Uno dei traumi della mia infanzia è stato senza dubbio la visione del telefilm Radici. Avrò avuto cinque o sei anni, la televisione aveva appena due canali e finalmente era arrivato il colore anche a casa mia, e seguivamo con il fiato

Piccoli mondi: il romanzo dell’anima

Ci sono libri che, una volta letti, non si dimenticano ma restano dentro di noi, intrufolandosi sotto pelle e penetrando fino all’anima. Molti di questi libri sono dei classici della letteratura, dei quali non è appropriato parlare qui, essendoci in giro studi

L’amore al fiume (e altri amori corti)

Molti sostengono che i social network siano il male assoluto, ma io non sono assolutamente d’accordo; mi limito a pensare che tutto dipenda da come noi li usiamo. Facebook, per esempio, anni fa mi è stato indispensabile per tenere i contatti con